Crea sito

Oncologia Newsletter

ALERT Oncologia !

OncoPneumologia / Nuova era nel trattamento del tumore del polmone con gli inibitori del checkpoint immunitario da soli o associati alla terapia target

Immunoterapia oncologica: Atezolizumab nei pazienti con tumore polmonare avanzato esprimente PD-L1

L’immunoterapia con Atezolizumab risulta attiva nei pazienti con tumore polmonare avanzato esprimente PD-L1, a prescindere dalla linea di trattamento nello studio BIRCH. Un più prolungato follow-up n …

Top News / Tumore del polmone non-a-piccole cellule / Opdivo

L’FDA ha approvato Opdivo per il tumore del polmone non-a-piccole cellule non-squamoso

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), ha approvato l’uso di Opdivo ( Nivolumab ) nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) non-squamo …

APPROFONDIMENTO

Opdivo associato a un beneficio di sopravvivenza nel tumore del polmone non-a-piccole cellule squamoso e non-squamoso, l’FDA ha ampliato le indicazioni d’uso

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Opdivo ( Nivolumab ) per il trattamento dei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata ( metastatico ) la cui malattia …

Top News / Tumore del polmone non-a-piccole cellule / Keytruda

Tumore del polmone non a piccole cellule avanzato, l’FDA ha approvato Keytruda per i pazienti i cui tumori esprimono PD-L1

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso l’approvazione accelerata per Keytruda ( Pembrolizumab ) per il trattamento dei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ava …

News Oncologia

Vemurafenib nei tumori multipli non-melanoma con mutazioni BRAF V600

Le mutazioni BRAF V600 si verificano in vari tumori non-melanoma. È stato uno studio istologico indipendente di fase 2 con Vemurafenib ( Zelboraf ) in tumori non-melanoma positivi alla mutazione BRAF …

Afatinib nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato con rare mutazioni EGFR

La maggior parte dei pazienti affetti da tumori del polmone non-a-piccole cellule con mutazioni EGFR hanno mutazioni di delezione nell’esone 19 o mutazione puntiforme Leu858Arg nell’esone 21, o entram …

Focus On: Carcinoma renale

Studio CheckMate-025: Nivolumab superiore a Everolimus nel prolungare la sopravvivenza nel carcinoma a cellule renali avanzato

Nello studio di fase III CheckMate-025 Nivolumab ( Opdivo ) ha ridotto il rischio di mortalità del 27% rispetto a Everolimus ( Afinitor ) nei pazienti con carcinoma a cellule renali ( RCC ), avanzato, …

FarmaExplorer.it :: Il Motore di Ricerca sui Farmaci per il Medico

Tumore dell’ovaio: la terapia di mantenimento con Olaparib produce benefici nelle donne con mutazioni BRCA

Nelle pazienti con carcinoma dell’ovaio sieroso, recidivato, sensibile al Platino, la terapia di mantenimento con Olaparib è risultata di maggior beneficio nelle donne con una mutazione BRCA.Un totale di 265 donne, che avevano risposto … Leggi

Carcinoma uroteliale della vescica, metastatico: MPDL3280A, un anti-PD-L1, riduce le dimensioni del tumore nel 43% dei pazienti

Sono stati presentati i risultati di uno studio di fase I in aperto che ha dimostrato che l’ immunoterapico sperimentale MPDL3280A ( anti-PD-L1 ) ha ridotto le dimensioni dei tumori ( tasso di risposta globale; ORR ) nel 43% ( 13/30 ) delle … Leggi

Pertuzumab, Trastuzumab e Docetaxel nel cancro al seno HER2-positivo metastatico

Nelle pazienti con carcinoma mammario metastatico positivo al recettore per il fattore di crescita epidermico umano 2 ( HER2 ), la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente migliorata dopo una terapia di prima linea con … Leggi

 

Xagena Forum

WCLC 2015: AZD9291 come terapia di prima linea e nelle linee più avanzate per il tumore al polmone non-a-piccole cellule con mutazioni nel gene EGFR

Sono stati presentati i dati aggiornati su AZD9291 ( Osimertinib ) in prima linea nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in fase avanzata e positivi alla mutazione del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFRm ) e nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule positivi per la mutazione T790M di EGFR, precedentemente trattati.
I dati, presentati al World Conference on Lung Cancer ( WCLC 2015 ) si riferiscono alla coorte di pazienti trattati in prima linea nello studio di fase I AURA-1 e ai pazienti trattati nelle linee più avanzate all’interno degli studi di fase II AURA extension e AURA-2. ( CONTINUA )